Home » Make Up » Viso » Cipria Happy Booster Physician Formula [review]
Physician Formula Happy Booster cipria
Viso

Cipria Happy Booster Physician Formula [review]

Una delle novità più calde dell’inizio 2015 è stata senza ombra di dubbio l’avvento, finalmente anche in Italia, del famoso brand Physician Formula, un marchio famoso per i suoi packaging accattivanti che uniscono prodotti di qualità ad uno stile glamour deliziosamente poco impegnativo.

Anni fa – forse già 4 o 5 – vidi per la prima volta un prodotto Physician Formula in un video di Giuliana Makeup Delight: si trattava di un blush con la cialda composta da stupendi cuoricini di diverse tonalità tutti sovrapposti, e ricordo chiaramente di essermi ritrovata a pensare: “ma perchè diamine non si trova in Italia?”.

Giuliana raccontava di averlo comprato per pochi dollari, una roba tipo 6 o 7 $, in un negozio di grande distribuzione statunitense, e questo prezzo così basso aumentava la mia curiosità per un prodotto che mi sembrava tremendamente bello da vedere e anche molto conveniente da comprare.

All’inizio di quest’anno, scopro che Physician finalmente arriverà anche in Italia nei negozi Coin, OVS e Upim: oh my God!

Inizia così la frenetica attesa per gli espositori fino a quando un bel giorno, ai primi di febbraio scorso, vedo che finalmente è arrivato anche nella Coin di Pisa, in Corso Italia.

Curiosando tra i tester e i vari prodotti esposti, noto subito la prima nota dolente: qui da noi i prodotti Physiacian Formula non sono poi così a buon mercato, ma anzi vengono venduti ad un prezzo medio alto.

Il famoso blush con i cuoricini costa sui 16 euro, un mascara sui 20, la BB cream 30…

Questo primo elemento mi infastidisce, perchè ammetto di non capire del tutto come possa uno stesso prodotto cambiare così tanto il suo prezzo da paese a paese (e va bene l’iva al 22%, però…) ma dato che necessitavo di una cipria, decido comunque di spendere quasi 19 euro per accaparrarmi la Happy Booster, la cipria gemella del blush che tanto mi aveva colpito e che sul sito del brand viene definita come la cipria “per esaltare la luminosità e il buon umore”. 20150124_095938_20150505074034211La cipria Happy Booster è disponibile in 2 varianti di colore, una più chiara e una leggermente più scura.

Scelgo quella più chiara perchè mi piace l’effetto illuminante della cialda.

All’interno della confezione, il vano dove è contenuto fisicamente il prodotto si alza, lasciando lo spazio ad un pennellino e a uno specchietto.Happy Booster Physician FormulaSe mi seguite sui miei canali social sapete che, a malincuore, devo dare un voto non del tutto positivo a questo prodotto, che pure sto continuando ad usare e che alla fine si è rivelato meno peggio di quella che è stata una tragica impressione iniziale.

Ora, non so voi, ma per quanto mi riguarda una cipria, per “esaltare il mio buon umore” (cit.), deve fare il suo lavoro, ossia: illuminare, opacizzare, uniformare l’incarnato dopo l’applicazione del fondotinta.

E, sempre per quanto mi riguarda, questo prodotto si è rivelato essere invece molto poco scrivente e non adatto a quello che è il mio normale impiego di una polvere viso.

Prelevarlo con il pennello è una vera impresa, con continui movimenti circolari in attesa di notare un po’ di pallido colore sulle setole, e dopo pochi giorni dall’apertura ha iniziato anche ad ossidarsi, rendendo il mio lavoro ancor più difficile.

Il fatto di averla pagata quasi 20 euro non mi ha aiutato nel farmi un’idea migliore, perchè se pago una cipria 20 euro mi aspetto di non dover fare la guerra per poterla applicare al mattino!

Poichè comunque ci tenevo davvero tanto a questa cipria e la aspettavo da tempo, ho deciso di continuare ad usarla nonostante quello che vi ho appena raccontato, e devo dire che con il tempo le cose sono parzialmente migliorate.

Ho iniziato a fare meno fatica per l’applicazione, la patina superficiale si è piano piano assottigliata e ho potuto apprezzare un finish leggero e vagamente illuminante, che poi è quello che mi aspettavo sin dall’inizio.

Recentemente sono partita per un week end all’estero e, portandola con me, ho dovuto constatare con i miei occhi la verità insita nell’affermazione “quando le cose partono male, finiscono peggio”, perchè estraendola dal beauty da viaggio ho potuto solo accettare il fatto che si fosse completamente frantumata.Physician Formula Happy BoosterQuesto l’ha resa più comoda da usare, perchè adesso è tutta spezzettata e facile da prendere col pennello, ma devo dire che io Physician Formula non siamo partiti col piede giusto e sicuramente non ricomprerò questo prodotto.

Probabilmente proverò qualcos’altro, perchè dare un giudizio completamente negativo di un intero brand per una sola cipria è eccessivo, per il momento però credo che costi troppo rispetto a quello che promette e che forse un prezzo più in linea con quello che si trova all’estero potrebbe far apprezzare di più i suoi prodotti.

So di essere una voce fuori dal coro, perchè molte blogger si trovano benissimo con i prodotti Physician Formula e spendono ottime parole nei loro riguardi, io invece ho avuto questa esperienza non esattamente esaltante e ho voluto riportarvela per quello che è stata, senza fronzoli.

Che sia tutto packaging e niente arrosto?

Se anche voi conoscete i prodotti Physician Formula vi chiedo di lasciarmi nello spazio commenti la vostra impressione, in modo da capire se sono stata solo sfortunata e se valga la pena riprovare!

A presto, Carly.

 

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Douglas

Social


Sezioni Dedicate

Armani
ARTDECO
Astra
Bakel
Beleza Pura
Benefit
Benessere
Bottega Verde
Cantoni
Catrice
Chanel
Clarisonic
Deborah Milano
Dior
Essence
EuPhidra
KIKO
L'Oreal
Lancome
LUSH
MAC Cosmetics
Maybelline
NABLA Cosmetics
NARS
Pupa
Rimmel London
SEPHORA
Urban Decay
Wycon
Yves Saint Laurent