Home » Cura del Viso » Herpes labiale – guida pratica di sopravvivenza e prodotti top!
Cura dell'herpes labiale
Cura del Viso

Herpes labiale – guida pratica di sopravvivenza e prodotti top!

Chi soffre ciclicamente di herpes labiale alzi la mano!
Sono soggetta a questo fastidioso disturbo sin da quando ero bambina e le ho provate tutte… ma proprio tutte!
Per questo ho pensato di raccogliere i miei rimedi e prodotti preferiti contro l’herpes e scrivere questa “guida pratica di sopravvivenza”!

Herpes labiale

Herpes labiale, come alleviare il dolore?

Come puoi vedere, quando mi scoppia un herpes lo fa con tutti i crismi!
Brucia da morire, mi prude, e ogni volta che apro la bocca per mangiare tira. Molto sgradevole.
Fosse solo brutto, potrei anche sopportarlo, perché tutto sommato dopo alcuni giorni va via e quindi è solo questione di aspettare.
Il vero problema è il fastidio.
Il fatto che sia doloroso, il fatto che tenda ad essere perennemente umido – e quindi a sporcarsi/infettarsi – il fatto che non possa coprirlo con una valanga di correttore…

Purtroppo per me io sono particolarmente predisposta all’herpes e mi viene spesso.
Basta che abbia l’influenza, il ciclo, che sia stanca; basta andare la prima volta al mare o che sia freddo e il rischio concreto è altissimo.
Ormai lo riconosco quando ancora è impossibile vederlo: sento che le labbra o la pelle intorno alla bocca iniziano a bruciare, come se si stessero arrossando, e in pochi minuti sboccia in tutto il suo potere devastante!
Non di rado, poi, me ne vengono 2 o 3 tutti adiacenti tra di loro.

Dato che mi ha sempre dato un sacco di problemi fin dalla tenera età, negli anni ho cercato di trovare soluzioni ottimali per soffrire il meno possibile ed uscirne senza cicatrici o segni visibili.
Sfatiamo qualche mito: “Ah, ma come, non hai mai usato il prodotto X? Guarda fa miracoli, praticamente lo blocca senza che esca e non ci pensi più!“.
Ecco, questi prodotti non esistono.

L’infezione causata dal virus dell’herpes, una volta che ha iniziato il suo ciclo, non può essere fermata in alcun modo e per guarire deve necessariamente fare tutto il suo percorso, dalla prima comparsa delle vescicole, all’eruzione cutanea, fino alle crosticine finali.
Lo so, è molto bello pensare che appena senti un po’ di prurito basta metterci la crema magica per eliminare il problema alla radice, ma non funziona così.
Ti sconsiglio vivamente anche di dare ascolto a sedicenti rimedi casalinghi: “herpes? Come no! Mia nonna ci mette sopra il dentifricio, una notte in posa e al mattino tutto a posto!“; “Febbre sorda? No problem: bloccala coi cubetti di ghiaccio!“.

L’infezione da herpes è una cosa seria e sottovalutarla può voler dire trasformarla in una recidiva che non passa più.

Anche se la tentazione di coprire le bollicine è molto forte, evita assolutamente di sporcarle con correttori/fondotinta/rossetti, perché questo vorrebbe dire contaminarle e peggiorare solo le cose.

Herpes labiale, i miei rimedi

Fino a qualche anno fa curavo la febbre sorda con lo Zovirax in crema ma non ero molto soddisfatta di questo metodo, perché secondo me non è affatto pratico.
Per essere efficace, infatti, è necessario che la zona interessata dall’herpes sia continuamente coperta dalla crema e questo ha diverse conseguenze:

  1. va applicata e ri-applicata più volte al giorno, con conseguente necessità di lavarsi spesso le mani e stare attenti a non infettare l’intero tubetto;
  2. bisogna stare attentissimi, una volta applicata sulle vescicole, a non passarsi le dita in altre zone sensibili che possono essere colpite dal virus (naso, bocca, occhi, mucose) per evitare il contagio;
  3. piano piano si formerà una crosta dura che tenderà ad aprirsi e a sanguinare al minimo movimento della bocca, impiegando un’eternità per andar via;
  4. la ferita sarà continuamente esposta all’aria e ad agenti infettanti;
  5. la tentazione di toccarla, scorticarla e quant’altro sarà fortissima.

Che te ne pare? A me non sembra molto funzionale.
Finalmente, alcuni anni fa, sono arrivati sul mercato quelli che a mio avviso rappresentano la soluzione migliore per la più rapida e sicura guarigione dell’herpes: i cerotti.
Ne esistono di varie marche, io ti parlerò di quelli con cui mi trovo meglio, i Compeed herpes patch.

Compeed herpes patch

Compeed herpes patch

 

Compeed herpes patchQuesti cerottini sono favolosi: si applicano in modo del tutto igienico senza bisogno di toccarli con le dita, isolano la zona colpita dall’herpes in un microfilm flessibile ed impediscono la formazione di crosticine dolorose e difficili da mandar via.
Sono comodi da mettere anche quando si è fuori casa e all’interno della pratica confezione rigida hanno un ampio specchietto che aiuta l’applicazione nelle condizioni più difficili!

Compeed herpes patch

Compeed herpes patchUna volta appiccicati sull’herpes, stanno lì senza muoversi, anche nel caso in cui la zona colpita sia quella delle labbra: potrai mangiare e bere senza problemi e senza il rischio che il contatto con cibi e bevande irriti ancor di più la ferita.
Certo, c’è comunque da stare un po’ attenti a movimenti troppo bruschi che potrebbero minare l’aderenza del patch, ma insomma per il resto c’è assoluta libertà di movimento.
Grazie a questi cerotti, inoltre, la vescicola sarà sempre isolata e protetta.
Ho notato che usandoli guarisce prima e meglio, perché resta sempre morbida e non si infetta, motivo per cui poi si formerà una piccola crosticina che impiegherà poco tempo ad andare via.

Acquista Compeed herpes patch!

In seguito, quando ormai è passata la fase acuta, uso la crema Vea Lipogel, che agevola meravigliosamente la cicatrizzazione senza lasciare segni.

Vea LipogelUna confezione di cerotti Compeed contiene 15 patch e di solito è sufficiente per un intero ciclo.
Il costo è di circa 12 euro e anche se non è basso li spendo più che volentieri per soffrire un po’ di meno.
Personalmente ne ho sempre una scorta in casa, perché quando sento che sta per venirmi la febbre sorda lo applico immediatamente e continuo così fino a quando non è andata via.
Questi patch sono molto resistenti e la scritta “dura fino a 12 h” non è solo una trovata pubblicitaria.
Certo, un po’ dipende anche dal punto in cui si trova l’herpes, ma comunque una volta applicati non inizieranno a staccarsi prima delle 8 ore.
Quando vedi che il cerotto applicato inizia a cedere sul bordo, va sostituito.

In passato ho provato anche quelli di Zovirax e devo dire che mi sono piaciuti. Li trovo meno validi dei Compeed ma comunque una buona soluzione alternativa e leggermente più economica.
Diffida, invece, da cerotti venduti a prezzi stracciati che quasi sicuramente non tengono. A meno di non voler star lì a sostituire il patch ogni 2 ore!

Zoviprotect cerotti per herpes labiale

Questi sono i miei prodotti preferiti contro l’herpes labiale.

Soffri anche tu di questo fastidioso disturbo? Quali sono i tuoi rimedi top?

Lascia un commento

17 risposte a “Herpes labiale – guida pratica di sopravvivenza e prodotti top!”

  1. il mio rimedio della nonna e’ il limone mentre il labbro inizia a gonfiare e pizzicare… forse i miei non sono veri e propri herpes, ma qualunque cosa siano a me il limone aiuta tanto.

    • Mmm… i miei sono molto virulenti ed ho paura di far peggio affidandomi a rimedi fai-da-te. Intendiamoci, se per te è funzionale ok, ma vedendo quanto mi diventano grandi e il male che mi fanno non credo di potermela cavare così a buon mercato! 😛
      Mi vengono herpes talmente grandi che ogni volta dico: “noooo, adesso resterò sfigurata per sempre!”.

  2. Ciao! Ti capisco perfettamente! Anch’io soffro di herpes e trovo che l’unica soluzione siano i cerottini … Più che altro perché alleviano il dolore e la febbre è un po’ meno evidente … Ne ho giusto una che sta lentamente scomparendo, anche se stavolta l’ho lasciata libera all’aria in quanto preda di fortissimo raffreddore e il cerottino non rimaneva tanto attaccato … . Mia sorella qualche volta ha preso delle pastiglie (di cui non ricordo il nome purtroppo) che in effetti facevano sparire la febbre nel giro di pochi giorni senza che diventasse troppo grossa. Io non le ho mai provate perché mi sembravano troppo delle ‘bombe’! In compenso la mia estetista mi ha consigliato di usare la propoli (quella contente anche alcool) in quanto è una sorta di antibiotico naturale (dai millemila utilizzi). Che dite, ci proviamo la prossima volta? Tanto peggio del sale sulla febbre viva non sarà :-P!
    Benedetta

  3. Mi ha dato una grossa mano (solo per la zona labbra però, ovviamente !) usare il burrocacao al tea tree di Erbolario per “prevenirli” sia in estate che in inverno…ti deve piacere il classico odore del tea tree però… ciao, complimenti per il blog !

  4. L’avevo anche il giorno del mio matrimonio, figurati!
    Solo che quella volta non ho cercato i cerotti; ancora non li avevo provati.
    Io utilizzo i Compeed 🙂

  5. Uhh! Anche io ho questo problema fin da bambina… Il rimedio migliore è assolutamente coprirli con i cerotti. I compeed sono ottimi. Sono invisibili, funzionali, puliti. Trovo anche io che le ferite guariscano un pochino prima o almeno che l’herpes non diventi molto grosso.
    Anni fa provai il ciclo di Cicloviran in pasticconi e onestamente per molto tempo non mi venne più l’herpes, ma credo che siano davvero delle “bombe” e cosi, accettandomi anche esteticamente con la ferita sul labbro, decisi di non usarli più.
    Con le creme mi sembra che fiorisca ancora di più. Proprio non una buona esperienza, oltre al fatto che sei sempre lì a toccare la zona e quindi a stimolare il bubbone che quindi cresce.
    i rimedi delle nonne, con me, hanno fallito proprio tutti!
    Un abbraccio
    Deborah

  6. Ciao!! Anche io soffro di herpes “mostruosi” purtroppo.. Una volta ho usato i cerottini compeed ma ho peggiorato la situazione perché togliendoli quando iniziavano ad alzarsi ho strappato le vescicole e contagiato altre parti del viso.. Insomma un disastro! Come fai a non fare dei danni sostituendo il cerottino? Grazie mille dei consigli!!!

    • Ciao Valentina! Dunque, io cerco di essere molto delicata nella sostituzione del cerottino e talvolta utilizzo dei guanti di lattice usa e getta proprio per evitare di contagiare altre zone del viso.
      Diciamo che, almeno per quella che è la mia esperienza, quando il cerotto si inizia ad alzare viene via abbastanza facilmente.
      Io mi trovo molto bene, da quando uso i cerotti un’altra vita, nonostante il dolore che purtroppo è inevitabile.

  7. Ciao! Anche io purtroppo soffro spesso di herpes 🙁 Ho scoperto I compeed da poco e ora appena sento che mi sta per venire li applico subito. Domanda: l’herpes per guarire deve fare il suo corso, quindi, dopo i primi giorni orribili, di solito smetto di applicare il cerotto per lasciare crescere la crosta, una volta che quella sparisce l’herpes é guarita. Purtropppo tutto questo processo dura ben quasi 2 settimane! È corretto che smetto d’applicare i cerotti (per lascire respirare la ferita) o si forma la crosta anche sotto il cerotto? Cosa mi consigli? grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Douglas

Social


Sezioni Dedicate

Armani
ARTDECO
Astra
Bakel
Beleza Pura
Benefit
Benessere
Bottega Verde
Cantoni
Catrice
Chanel
Clarisonic
Deborah Milano
Dior
Essence
EuPhidra
KIKO
L'Oreal
Lancome
LUSH
MAC Cosmetics
Maybelline
NABLA Cosmetics
NARS
Pupa
Rimmel London
SEPHORA
Urban Decay
Wycon
Yves Saint Laurent