Home » Cura del Corpo » I 7 dettagli indispensabili per un massaggio perfetto
Come fare un massaggio perfetto
Cura del Corpo

I 7 dettagli indispensabili per un massaggio perfetto

Questo post è dedicato agli operatori della bellezza.
A coloro che ogni giorno fanno i massaggi ai propri clienti, nei centri estetici dove lavorano.

Non è una guida su come fare un massaggio a qualcuno, non troverai uno schema di massaggio e se è questo ciò che stai cercando puoi chiudere e cambiare articolo, questo post non fa per te.

È un articolo dedicato ai professionisti, scritto da una persona che si concede spesso il lusso del massaggio e che, nella sua esperienza, ha individuato quali sono quei dettagli in più che possono fare la differenza e renderlo perfetto.

Il massaggio, tra i servizi di un centro estetico, è forse quello più personale e intimo da prenotare.
È una vera e propria coccola, un rituale, per renderlo un’esperienza unica e indimenticabile non basta accendere qualche candela e mettere un sottofondo di campane tibetane, serve qualcosa di più.

Iniziamo dalla base, dall’ABC, e diciamo subito che stiamo parlando di un massaggio fatto dentro ad un centro estetico che per essere tale deve rispettare determinati standard e avere certi requisiti.
Quindi, non vorrei dover ripetere che l’ambiente deve come minimo essere pulito, accogliente, ispirare fiducia e avere a disposizione le attrezzature necessarie quali lettini ed eventualmente macchinari.

Senza questa base di partenza, questo post non ha senso.

Dopo aver dato per scontato che siamo in un centro estetico degno di questo nome, quali sono i dettagli che possono fare la differenza in termini di esperienza perfetta?
Forse vi stupirò dicendovi che, per quanto mi riguarda, non è tanto un fatto di attrezzature stratosferiche, quanto piuttosto di cura e attenzione per il dettaglio, con queste 7 cose che non dovrebbero mai succedere quando si prenota una seduta di massaggio.Come fare il massaggio perfetto

1) La cabina non riscaldata a dovere

Per fare un massaggio è necessario spogliarsi, su questo non ci piove!
Niente è più fastidioso e urtante di una cabina trattamento fredda, che non è stata precedentemente riscaldata a dovere.
Se entro nell’ambiente dove farò il massaggio, oltre agli asciugamani disposti sul lettino con cura e alle candele accese che fanno atmosfera voglio sentire caldo!
Talmente tanto caldo che devo aver voglia di spogliarmi da sola, senza che l’operatrice me lo dica.

2) L’operatrice troppo chiacchierona

Amo parlare, ma non quando vado a fare un massaggio.
Se ho prenotato un massaggio è perché desidero ritagliarmi un momento tutto mio, nel silenzio, per distendermi e rilassarmi.
Dopo le presentazioni iniziali e dal momento che mi sono preparata e posizionata sul lettino, l’operatrice dovrebbe stare in silenzio.
Tempestarmi di domande, dal classico “che lavoro fai?” a “come hai trovato il nostro centro?” per valutare se le tue strategie di web marketing stanno funzionando o no mi indispone. E mi fa passare la voglia di tornare.

3) L’operatrice che dà consigli non richiesti

Lo sappiamo, le operatrici sono lì anche per venderti un servizio, non c’è nulla di male.
Un centro estetico non è una onlus, punta a fidelizzare una cliente e a fare in modo che torni, è normale.
Per questo, se a fine massaggio mi proponi una depilazione, una manicure, una seduta di pulizia del viso, perché no, grazie, magari ci penso.
Quello che invece non va bene è dare consigli non richiesti e con aria di supponenza mentre mi stai facendo il massaggio.
Ad esempio, sempre da una mia esperienza diretta, l’operatrice che mentre ti massaggia le gambe se ne esce dicendoti che certo, hai la pelle talmente ruvida, che uno scrub non ti farebbe male, sai.
Cross selling? Lo stai facendo malissimo.

4) La musica troppo alta

Ok al sottofondo musicale, ok ai rumori che ricordano la natura, ma tutto questo deve avere un volume che sia, appunto, di solo sottofondo.
Ripetiamo tutti insieme: una cliente che prenota un massaggio è una cliente che vuole rilassarsi.
Probabilmente non ascolterà neppure le musiche che vengono messe e alzare il volume, magari per coprire i rumori delle altre cabine, non l’aiuterà nel suo percorso di distensione e rilassamento.

5) La radio al posto della musica di sottofondo

Mi è successo una volta, in un centro estetico di Pisa.
Sono entrata nella stanza a me dedicata e ho sentito la radio, diffusa per tutto il centro.
Con gli speaker che parlavano, gli stacchetti, Rihanna e Beyoncè che cantavano a tutto volume…
E mentre mi spogliavo per prepararmi mi sono chiesta: ma come fanno a non capire che mettere la radio così alta peggiora, e di molto, l’esperienza di massaggio?
Piuttosto, datemi retta: non mettete alcun suono di sottofondo!
È preferibile.

6) Sentire i rumori di tutto il centro estetico

Le cabine da massaggio solitamente non sono delle stanze vere e proprie ma vengono ricavate con delle pareti in cartongesso.
Bene.
Se il tuo centro estetico è fatto così, dovresti fare in modo che io non senta tutto quello che succede fuori dalla stanza dove mi trovo, come la receptionist che risponde al telefono e prende appuntamenti, la ragazza che sta facendo la manicure e racconta all’estetista tutta la sua vita, una tua collega che si sta lamentando di qualcosa mentre fa la cera ad un’altra cliente.

7) I massaggi fatti tutti nello stesso modo

Sul listino servizi di un centro estetico medio c’è ormai un’ampia scelta di massaggi.
Relax, hawaiano lomi lomi, svedese, decontratturante, cervicale, linfodrenante…
Poi vai a farli, decidi di fare delle prove e di prenotare prima un tipo e poi a distanza di qualche tempo un altro tipo e cosa scopri? Che vengono fatti tutti allo stesso modo!
Ahi ahi ahi!
Non è un obbligo avere in listino 50 tipi diversi di massaggi, piuttosto mettetene 2 ma che siano effettivamente quelli!
Una cliente poco esperta forse non conosce la differenza tra un massaggio lomi lomi e un massaggio linfodrenante, ma chi ha un minimo di dimestichezza con i centri estetici lo capisce subito che qualcosa non funziona.
Anche perché il linfodrenante costa, giustamente, di più di un massaggio solo rilassante, e se mi accorgo che vengono fatti tutti allo stesso modo mi sento terribilmente presa in giro.
E non tornerò più.

L’attenzione e la cura del dettaglio fanno la differenza, sempre.

In questo post vi ho raccontato la mia esperienza ma sono curiosa: quali sono le cose che proprio non sopportate quando prenotate un massaggio in un centro estetico?
Concordate con me? Avete qualcosa da aggiungere?
Vi aspetto nello spazio dedicato ai commenti!

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

0 risposte a “I 7 dettagli indispensabili per un massaggio perfetto”

  1. Sono d’accordo. Ho lavorato in centri grandi con cabine comunicanti e radio a tutto volume ma anche in centri estetici con cabine silenziose apposta per i massaggi. Poi in SPA devo dire che invece era tutto perfetto, proprio perche’ e’ un posto dove ci si deve rilassare! Dipende sempre da chi gestisce l’istituto. E poi fammelo dire…neanche io sopporto chi viene a fare massaggi e poi ha voglia di parlare XD

  2. Una volta ho avuto la brillante idea di provare un nuovo centro…
    A parte la radio che trasmetteva una partita (!), La proprietaria è entrata all’improvviso nella stanza urlando che cercava un certo Gaetano mentre la ragazza mi faceva il massaggio.
    Poi a un certo punto è entrata un’altra ragazza che lavora lì e si è fatta al volo una ceretta alle gambe… Sempre durante il mio massaggio! Mi è perfino dispiaciuto per la ragazza che mi faceva il massaggio, che era molto brava, ma lì non sono più tornata e ho lasciato una recensione sul sito web!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *